Come aumentare gli incassi di una pizzeria, strategie inedite

0
4042

La gestione di una pizzeria è un’attività che richiede molto impegno, partendo dall’impasto delle pizze fino ad arrivare alla cura della sala, pulizia ed organizzazione dei tavoli.

Talvolta, si dimentica di un aspetto molto importante: la pubblicità, senza di questa i clienti e i guadagni faranno fatica ad arrivare.

Vediamo come aumentare gli incassi di una pizzeria con alcuni suggerimenti e raccomandazioni che potrai subito implementare nella tua attività.

Prima di cominciare lascia che ti spieghi chi sono, dammi solo 4 secondi.Mi chiamo Anthony Bella e mi occupo di food marketing dal 2016, aiuto le pizzerie a promuoversi, aumentare clienti e fatturato. Dopo il mio Master in comunicazione e marketing, ottenuto a Padova, mi sono specializzato nella mia grande passione: la pizza!

Anche io ho avuto in passato un mio ristorante - pizzeria, mi ha insegnato molto su come funzionano le cose in questo ambito ma sopratutto ho acquisito le tecniche e le competenze per far fare il pienone ai miei clienti proprietari di pizzerie.

Ma passiamo avanti, questo potrebbe interessarti:

Ho creato un gruppo Facebook per imparare a promuovere la tua pizzeria!

Cosa bisogna fare per iscriversi?

È tutto molto semplice. Clicca qui per richiedere l'iscrizione immediata.

All'interno del nostro gruppo chiamato Marketing per pizzerie scoprirai contenuti per promuovere la tua pizzeria, guide, strategie e consigli di marketing. Inoltre avrai accesso ai migliori articoli da dove imparare tutte le tecniche segrete di promozione e la possibilità di interagire con la community per scambiare idee ed opinioni. 

Cosa aspetti? Iscriviti subito! Clicca qui per richiedere l'iscrizione immediata.

Ok ora possiamo partire con l'articolo 😉

Foto e video alle pizze

Introduzione

Sembra banale come titolo, ma le foto di una gustosa pizza attirano molto la clientela sopratutto se le foto sono realizzate in modo professionale, con la giusta inquadratura, posizione, luce e ambiente ideale.

Procurarsi l’attrezzatura fotografica necessaria è molto semplice, basta un moderno smartphone o una reflex entry level uniti a 2-3 accessori quali treppiedi, tavolo fotografico e stabilizzatore per essere pronto a realizzare uno shooting fotografico degno di nota.


La fotografia è quel plettro che pizzica le corde del cuore e le fa risuonare nell’anima.

Cit. Orazio Minnella

Realizzazione degli scatti

La realizzazione degli scatti può subire alcune variazioni a seconda del tema del tuo locale. Rustico? Gourmet? Giovanile?

Il “mood” (il tema) della tua pizzeria è sicuramente un fattore che inciderà notevolmente se vuoi creare una comunicazione marketing omogenea verso i tuoi clienti.

Non basta semplicemente fare una foto, occorre sposare completamente i colori, l’ambiente e la tipologia delle foto per ottenere uno scatto perfetto e degno di nota.

Idee per shooting fotografici

  • Locale rustico: posiziona la pizza su un piatto di legno e crea attorno ad essa una composizione rustica come ad esempio un bicchiere di vino rosso, delle spighe di campagna, dei pezzettini di formaggio, dei pomodorini e una ciotolina con olio extravergine di oliva.
  • Locale gourmet: devi giocare sul far diventare la pizza una finezza, sicuramente il contesto farà la sua parte, si pensi ad esempio ad un piatto dalle forme minimali o squadrate, il calice di vino bianco, il tovagliato elegante oppure puoi puntare sul dettaglio, l’effetto sfuocato e rappresentare la pizza come un piatto più da aperitivo che come pasto completo.
  • Locale giovanile/moderno: un locale per una clientela giovane e vivace è sicuramente un’occasione unica per sperimentare, oltre delle foto colorate e ricche di vitalità, anche delle illustrazioni, vignette e disegnini tipiche di un tema “young”.

Potrebbe interessarti: inaugurazione ristorante

Come scattare le foto?

Come accennato prima, una strumentazione corretta è fondamentale per la realizzazione di fotografie di qualità.

Per quanto concerne, invece, lo sviluppo di grafiche, vignette e illustrazioni consigliamo Canva, una delle migliori piattaforme web per creare contenuti grafici velocemente ma sopratutto con tantissimi modelli da cui partire disponibili gratuitamente.

Le fotocamere reflex consigliate:

Smartphone consigliati:

Accessori consigliati:

Nota: abbiamo volutamente inserito dei modelli entry level o non di ultima uscita sia di fotocamere che di smartphone per restare nel range del budget medio-basso.

Dove caricare le foto scattate?

Le possibilità offerte dai social network possono espandere di molto la pubblicizzazione del nostro brand, tuttavia occorre chiarire che ogni social network ha delle regole non scritte che se non seguite, in base all’attività, potrebbero danneggiarvi a livello di apprezzamento da parte degli utenti.

Come canali social, in cui pubblicare le foto, consigliamo sicuramente Instagram, sia nel formato post quadrato che come Instagram stories, ma anche Facebook, ecco alcune raccomandazioni:

  • Instagram: carica le foto con il formato quadrato, se usi uno smartphone la tua fotocamera dovrebbe avere un’opzione “quadrato”,”square” o “1:1”. Se scatti le foto con una reflex puoi editarle in Photoshop scegliendo la risoluzione 1080 x 1080.

    Inoltre consigliamo di realizzare delle foto in formato verticale (oppure effettuare un taglio, crop, dalle foto) per le Instagram stories in evidenza, in questo caso il formato è 1080 x 1920.

    Ricordati di inserire una didascalia per la foto quadrate, il tuo hashtag, la geolocalizzazione, il titolo e l’immagine di anteprima per le Instagram stories in evidenza.

  • Facebook: a differenza di Instagram su Facebook puoi categorizzare le foto su album diversi, dividi gli scatti per location, foto alle pietanze ed eventi.

    Normalmente la maggior parte dei formati è accettata su Facebook, puoi anche pensare di caricare le foto cosi per come le hai scattate senza ulteriori modifiche. Ricorda di inserire il titolo sull’album, Facebook di default lascia “senza nome”.

Qualche esempio di profilo Instagram che abbiamo apprezzato per la qualità fotografica:

Potrebbe interessarti: idee innovative per pizzeria

I video e IGTV

NOTA: IGTV è ora parte di Instagram e non più un app separata! Non cambia nulla per te, formati e tipologia di video da caricare + i consigli di questo articolo restano sempre validi!

I video sono un altro tipo di condivisione che è possibile sperimentare su Instagram. Nel caso dei video normali potete utilizzare il formato quadrato visto prima in foto (1080 x 1080), mentre per quanto riguarda IGTV dovrete utilizzare la risoluzione 1080 x 1920.

Nota: potete utilizzare anche video in formato orizzontale, per intenderci come quelli utilizzati su YouTube, non è una pratica consigliata in quanto il layout di Instagram predilige i formati citati sopra.

Ecco alcuni video esempio:

Abbiamo portato ulteriori esempi sia di foto che di video in questo altro articolo: pubblicità per pizzeria.

Qui invece ti lascio un video del mio canale YouTube con una video lezione esclusiva dedicata a come fare le foto alle pizze:

Come aumentare i clienti in pizzeria?

Sicuramente se vuoi aumentare gli incassi in pizzeria dovrai, tra le altre cose, anche aumentare i clienti!

Le strategie per attirare nuova clientela sono diverse, ricorda però che nella maggior parte dei casi dovrai coccolare al massimo la tua clientela storica.

Questo perchè il processo con il quale il nuovo cliente si affeziona alla tua pizzeria può essere lungo, incostante e incline a dimenticarti se non ti fai ricordare a dovere.

Non significa necessariamente regalare gli amari a fine pasto o sciogliersi in serenate d’affetto verso i clienti (anzi ti sconsiglio caldamente di comportarti in modo morboso, da fastidio).

Devi creare impatto, ovvero fare brand awareness.

“Brand awareness, Anthony ma di che stai parlando?”.

Measuring Brand Awareness
 

Fonte: Visually.

L’infografica sopra ci mostra come fare brand awareness ma adesso ti spiego anche cos’è.

Mi riferisco al fatto che in un mercato globale e pieno di competitors dove siamo, risulta necessario comunicare in modo più differenziante rispetto la concorrenza.

Solo così le persone potranno dire:“non è la solita pizzeria”.

Foto e video sui social sono sicuramente un’ottima arma, puoi unire dei video più ispirazionali dove racconti chi sei, cosa fai, come mai hai deciso di aprire la tua pizzeria (non dire al cliente che lo fai per i soldi perchè non gilene frega niente dei tuoi problemi).

Ad esempio potresti dire che vuoi condividere e raccontare la pizza come la faceva tua nonna, con l’antica ricetta del tuo paese.

In alternativa puoi pensare di far conoscere la tua nuova idea di pizza gourmet, magari elevando e differenziando la tua pizzeria facendo diventare la pizza da un piatto “popolare” ad un piatto luxury.

Questo significa avere un interior design (arredamento d’interni) lussuoso e con prezzi alti e materie prime molto ricercate.

Tutto sta alla tua identità, solo tu sai chi sei!

Se non lo sai puoi anche contattarmi, mi occupo da più di 6 anni di marketing per pizzerie e costruire il tuo brand di successo per la tua pizzeria sarà un piacere!

In ogni caso voglio darti dei consigli anche sulla parte video, lo vediamo nel prossimo paragrafo, intanto però voglio darti alcune raccomandazioni per trovare nuovi clienti per la tua pizzeria:

  • Contatta riviste e giornali di settori famosi come Guide Michelin, Gambero Rosso, Osterie d’Italia, Identità golose, 50 Top pizza e altre se ne conosci.

    Finire nelle loro recensioni, siti web, articoli e guide enogastronomiche, oltre ad essere citati sui social ed esporre nella tua pizzeria (all’interno e all’esterno) i loro badge ti darà tantissimo trust (fiducia da parte dei clienti).

  • Partecipa a fiere locali o creane tu stesso con altri proprietari di pizzerie: ti aiuterà a farti conoscere, magari attirare clienti da fuori del tuo paese.

    Stupisci il tuo pubblico con pizze e specialità della casa, incita le persone a farti taggare quando dai loro la pizza e magari a seguire i tuoi profili.

  • Usa le sponsorizzate sui social: con un budget di 11€ al giorno puoi costruirti nel tempo una clientela fidelizzata pagando Facebook e Instagram per far vedere i tuoi post a più persone intorno la tua pizzeria.

    Investire con le sponsorizzate a pagamento è uno dei mezzi più utilizzati dalle pizzerie per farsi conoscere!

Ulteriori consigli (ben 36) sono presenti in questo articolo:

36 trucchi per aumentare i ricavi del tuo ristorante

Come vendere una pizza

Inutile dirlo, una volta attirati i clienti il tuo obiettivo è vendere le tue pizze. Magari non solo la classica “Margherita” ma anche pizze più costose che portano la tua pizzeria a fare grandi profitti.

Tuttavia il discorso è puramente di marketing, mi spiego meglio.

Ad aprile 2023 sono andato a mangiare con amici presso la Pizzeria Sitàri di Villaggio Mosè (Agrigento, Sicilia).

Una pizzeria molto nominata in giro, il passaparola funziona bene ma bisogna anche dire che hanno partecipato a molti eventi, fiere e campionati di pizzerie.

Devo dire però che il menù è una bella macchina di marketing.

Persino con la semplice Margherita sono riusciti a trasformarlo in un prodotto high pricing (cioè che cosa molto).

Guarda questa foto:

Vedi la foto zoomata cliccando qui.

Innanzitutto hanno trasformato la pizza Margherita in una vera e propria categoria.

Questo fa già pensare che trattano la singola pizza come un qualcosa di più specifico e complesso, ti danno la loro proposta di Margherita.

La pizza in questione è disponibile in 4 versioni, di cui la più costosa recita la seguente:

REGINA MARGHERITA D.O.P: pelato siccagno di Valledolmo saltato in padella, bufala campana D.O.P. , spolverata di grana padano D.O.P. , basilico, olio EVO.

Hai visto qualcosa di strano? Cioè non hanno messo il classico:”Margherita: pomodoro, mozzarella”, hanno creato, attraverso la selezione di ingredienti di qualità una vera e propria pietanza unica.

Prezzo? 9.50€!

Eppure è sempre una:”Margherita”, tu a quanto la vendi? Forse se non ci stai marginando conviene prendere esempio dalla Pizzeria Sitàri appena citata.

Ma non è finita qui.

Come hai potuto capire i social sono molto importanti, sopratutto la parte video, ecco alcuni consigli per video su Facebook, Instagram e TikTok che spaccano davvero e che potranno farti fare il grande salto di incassi in pizzeria.

Li vediamo nel prossimo paragrafo.

Video per vendere pizze e fare profitti

“Un’immagine vale più di mille parole”, conosci questo detto?

Facciamo di meglio: “un video vale più di 1000 immagini”.

I video sono veramente il trend del momento. Già ma come si vende una pizza?

Ecco dei video super utili che puoi realizzare oggi stesso per vendere meglio le tue pizze, attirare più clientela e fare maggiori profitti:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Vittorio & Gabriellina | Food Creator 🍽 (@in.piatto)

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Francesco Corrado (@campaniafoodblog)

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Davide Troia (@friggitoriadavide)

Come puoi vedere i video sono diversi (si alcuni non riguardano la pizza però cerca di contestualizzare il tutto) e nessuno recita semplicemente:“questa è la mia pizza, comprala!”.

Si cerca di intrattenere l’utente, creare emozione ma sopratutto sorprendere e far mangiare con gli occhi.

Ti mostro alcuni consigli per migliorare i tuoi video da pubblicare su Facebook, Instagram e TikTok:

  • Cambia scena/inquadratura ogni 3-4 secondi massimo, aiuterai l’utente a rimanere concentrato in video.

  • Usa i sottotitoli: molte persone guardano i video con audio basso o disattivato, i sottotitoli sono perfetti per mantenere e agganciare l’utente ai tuoi video.

  • No a video scuri, troppo mossi, di scarsa risoluzione, senza una scenografia dietro o ipersaturi (iperluminosi).

Quanto dovrebbe incassare una pizzeria?

La domanda è lecita:“va bene il marketing, ma quanto dovrebbe incassare una pizzeria?”.

Tutto dipende dalla tipologia di pizzeria (classica o da asporto), dalla grandezza del locale, dal numero di dipendenti, dal food cost, dalle spese fisse.

Insomma un conto è farsi i conti con una pizzeria da 200 posti a sedere, un conto è farlo con una pizzeria grande come un monolocale.

In linea generale posso darti dei consigli pratici:

  1. se pensi di aprire una pizzeria dedica veramente tanto budget al marketing e non alla location.

    Quello che molti imprenditori fanno è prendere grandi spazi commerciali e proporre al pubblico un’infinità di prodotti e servizi.

    Alla gente non gliene frega niente di tutte queste pietanze e questo spazio, perlomeno non in una fase iniziale.

    Quello che cercano sono storie di grande impatto, valori, originalità e caratteristiche differenzianti. Soltanto quando avrai generato un grande pubblico fedele e un grande cashflow (incasso continuo) puoi pensare di osare e fare il grande salto.

  2. Acquista un software in grado di calcolare il food cost.

    Esistono in commercio molte piattaforme per aiutarti nella gestione del food cost, se pensi di averne bisogno fai una ricerca su Google e troverai tantissime soluzioni pronte.

    Un ulteriore raccomandazione che posso darti è raccogliere dati di vendita. Se in 1 mese vendi 400 Capricciose e 20 Mari e Monti forse è il caso di non comprare più gli ingredienti della Mari e Monti non credi?

    Tutto ciò che acquisti ha un costo: conservazione e spazi in primis.

    Meglio dedicare le tue risorse a ciò che ti fa veramente entrare in profitto! Dimenticavo, puoi raccogliere dati anche sui tuoi post su Instagram, così capisci quali hanno funzionato di più e quali no, ne parlo nel prossimo paragrafo (Instagram analytics)


  3. Adotta un modello di business flessibile: prendere scelte drastiche potrebbe farti molto male.

    Oggi il mondo vive continuamente nell’incertezza, lamentarsi aiuta ben poco, bisogna agire, tutto parte dalla mentalità.

    Se stai generando un discreto cashflow (incasso continui) e ti stuzzica l’idea di allargare la tua pizzeria acquistando il locale in vendita di fianco a te, pensaci bene:

    1. “è un’operazione economicamente fattibile per me?”.
    2. “Se le cose vanno male posso fare un passo indietro?”.
    3. “Sono logisticamente (personale, budget, tempo, forza) per pensare di avere una sala più grande?”.

Instagram Analytics (insight)

Uno degli strumenti più sottovalutati è l’Analytics di Instagram, ovvero, un database con tantissimi dati utili sul nostro profilo, sui nostri post e sull’engagement che generiamo con gli utenti.

----------

Attenzione piccolo promemoria!

Stanco di vedere le altre pizzerie della tua zona piene? Vorresti finalmente poter vedere un incasso a 4 cifre a fine giornata?

Posso subito aiutarti e risolvere il problema con una consulenza gratuita!

Cosa aspetti? Entra in contatto con me:

Contattami subito: clicca qui

Puoi anche scrivermi su Whatsapp: clicca qui dal tuo smartphone

In alternativa scrivi a:

info@mrktgram.it

----------

Vediamo alcune funzioni di Analytics per Instagram (insight)

1. Per accedere agli insight occorre premere sul menù in alto a destra e dopo accedere a “Dati statistici” o “insight”. Dalle prime schermate possiamo vedere il tasso di interazione in base ai giorni, le visite al profilo e i click sul nostro sito web.
2. Avete dubbi sui titoli nei menù che leggete? Premete la piccola icona “i” racchiusa nel cerchio per avere spiegazioni dettagliate su cosa state leggendo.
3. La sezione “discovery” o “dati statistici” comprende quante persone vedono i nostri contenuti.
4. La sezione contenuti tramite l’apposito testo dinamico in blu (engagement in questo caso della foto in alto) ci permette di selezionare un valore: engagement, mi piace, interazioni, visite al profilo ecc… e filtrare i post per data, tipologia di post e molte altre opzioni (vedi anche foto sotto).
5. Ovviamente questo discorso vale anche per le Instagram Stories, basta scendere in basso sempre nella sezione “contenuti” o “content” per trovare i medesimi menù anche in questa sezione.
6. Per finire la sezione “Audience” o “pubblico” che ci illustra, tramite semplici grafici, valori di età, sesso, stato e addirittura paese di provenienza dei nostri follower.

Fantastico l’Analytics di Instagram vero? Non è tutto ci sono anche alcune raccomandazioni e consigli che vogliamo condividere con voi per utilizzare al meglio questo strumento:

  • Tenete d’occhio i post con cui avete generato più interazioni (meglio se si tratta di commenti o magari post con il vostro hashtag proprietario), nel caso ne abbiate già qualcuno di molto positivo significa che avete stupito i vostri follower, per cui potreste generare nuovi contenuti partendo dallo stesso contenuto trattato in quel post (foto, video o storia Instagram che sia).

  • Volete fare brand awareness o avete come prossimo obiettivo la creazione dell’ads? Dovrete impostare una posizione geografica, perchè non partire proprio dalle prime città che vi propone il vostro Analytics? Potrete attuare una strategia per creare un pubblico lookalike a livello locale nella vostra zona, partendo da quello creato precedentemente per la top città di Analytics, colpendo cosi utenti potenzialmente interessati alla vostra attività.

  • Indecisi su quando pubblicare un post? Date un’occhiata alla sezione riguardante ora e giorni della settimana dove i vostri follower sono più attivi, pubblicare negli orari caldi, cioè con maggior presenza dei vostri follower, vi permetterà di raggiungere più utenti possibile.

BONUS: come lanciare una promozione o una nuova pizza

Wow sei arrivato fin qui! Meriti davvero un contenuto bonus esclusivo. In questo video del mio canale YouTube Marketing per pizzerie (clicca qui per entrare e iscriverti, pubblico tante lezioni gratuite super utili) ti faccio vedere come lanciare una promozione o una nuova pizze tramite Instagram! Successo assicurato!

Se non bastasse ti lascio qui due casi studio di due miei clienti. Mi sono occupato del lancio della loro pizzeria e li ho seguiti in tutti gli step:

Caso studio Pizzeria Dacciuntaglio (Cadine, Trento).
Caso studio Pizzeria Eat Enjoy (Bra, Cuneo).

Conclusioni

Abbiamo visto come le foto e i video siano ancora un tassello fondamentale per attirare nuovi clienti, followers e interazioni verso la nostra azienda ma sopratutto per una migliore pubblicizzazione del nostro brand.

L’attrezzatura fotografica è sicuramente un piccolo investimento che porta grandi risultati se vengono prese in considerazioni le raccomandazioni e i consigli che abbiamo citato sopra per realizzare dei perfetti shooting fotografici.

Se la vostra domanda era come aumentare gli incassi di una pizzeria questi consigli potranno tornarvi sicuramente utili.

Insistete con Instagram TV (IGTV) sarà la piattaforma del futuro che si affiancherà a YouTube 😉


Ti piacerebbe aumentare gli incassi della tua pizzeria? Grazie alla mia gestione social dirai addio a giorni vuoti senza clienti in pizzeria!

Posso subito aiutarti con una consulenza gratuita!

Cosa aspetti? Entra in contatto con me:

Contattami subito: clicca qui

Puoi anche scrivermi su Whatsapp: clicca qui dal tuo smartphone

In alternativa scrivi a:

info@mrktgram.it

Condividi sui social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here